L’Associazione Movimento Turismo del Vino Toscana è un ente non profit nato proprio in Toscana nel 1993. La delegazione toscana, che raccoglie circa cento soci fra le più prestigiose cantine del territorio, selezionate sulla base di specifici requisiti, primo fra tutti quello della qualità dell’accoglienza enoturistica, fa riferimento a MTV nazionale che ha sede a Roma.

Obiettivo dell’associazione è promuovere la cultura del vino attraverso le visite nei luoghi di produzione. Ai turisti del vino il Movimento vuole, da una parte, far conoscere più da vicino l’attività e i prodotti delle cantine aderenti, dall’altra, offrire un esempio di come si può fare impresa nel rispetto delle tradizioni, della salvaguardia dell’ambiente e dell’agricoltura di qualità.

Per fare tutto questo MTV Toscana promuove attività per favorire le visite nei luoghi di produzione e l’incontro con i suoi protagonisti. Tra le più celebri “Cantine Aperte”, “Calici di Stelle”, “Cantine Aperte in Vendemmia”, “Cantine Aperte a Natale”, oltre a tutte le altre iniziative legate allo sport e alla cultura e ai corsi specializzati per enoturisti.

Le cantine rappresentate in Toscana sono tutte diverse l’una dall’altra e varrebbe la pena di vistarle tutte: ci sono quelle familiari dove il produttore riceve personalmente i visitatori trasmettendo la passione che lo anima, altre sono in edifici storici come borghi, ville o castelli e raccontano storie centenarie, alcune sono capolavori firmati da grandi architetti contemporanei ma tutte esprimono lo stesso amore per il territorio e per il frutto più nobile della terra: l’uva.

La visita dei vigneti e dei luoghi di produzione del vino è dunque un viaggio pieno di scoperte e di diversità che si arricchisce con le opere d’arte diffuse anche nei borghi più remoti, il paesaggio intatto da secoli e la gastronomia tipica che, in Toscana, varia in ogni paese.

E’ in virtù di questa attitudine che MTV Toscana ha aderito al Protocollo d’intesa con il Comune di Siena per la creazione di una rete di cantine “Amiche del turismo attivo” nell’ambito del progetto “Strada di Siena”.