Strade di Siena > Sentiero del Nobile

IL SENTIERO DEL NOBILE

Il Sentiero del Nobile è un affascinante percorso che stimola l’escursionismo, sia a piedi che in bicicletta, e che consente non solo di vedere, ma di vivere il territorio, esercitando tutti i sensi, attraverso un paesaggio che è stato costruito da generazioni che si muovevano soprattutto a piedi o a cavallo.

I paesaggi sono splendidi: i colori, le architetture, i vigneti e gli oliveti, ma anche la possibilità di osservare la fauna selvatica come fagiani, caprioli e uccelli lungo il Lago di Montepulciano.

Il Sentiero del Nobile attraversa poi tutte le principali caratteristiche di Montepulciano: dal centro storico rinascimentale alle colline ricche di vigneti da cui si produce il Vino Nobile, dal bosco del Cerro alla zona lacustre, dai santuari religiosi alle campagne di pianura nate dalla bonifica dell’antica palude della Valdichiana.

Un percorso fatto di paesaggi stupendi, vino, natura, storia, arte, tradizione e sport. In una parola: Montepulciano.

Inserire immagine in evidenza. (ditta affidataria)

Inserire foto in fotogallery (ditta affidataria)

Inserisci foto ditta aggiudicataria nella galleria sotto.

Aree Attraversate

Il lago di Montepulciano è un bacino lacustre della Val di Chiana senese, situato a valle rispetto aIl’omonima località, pochi chilometri a nord-ovest rispetto al lago di Chiusi.

Il lago è formato dal Canale Maestro della Chiana che risulta esserne sia l’immissario che l’emissario. La sponda sud-orientale del lago di Montepulciano segna il confine tra la Toscana e l’Umbria; a circa 15 km ad est del bacino lacustre, in territorio umbro, si trova il lago Trasimeno.

La riserva naturale Lago di Montepulciano è un’area naturale protetta istituita nel 1996 comprendente il Lago di Montepulciano e alcuni territori limitrofi, ed occupa una superficie di 470 ha nella provincia di Siena.

Piccolo borgo sparso nelle colline che salgono verso Montepulciano, occupate da oliveti e vigneti dai quali viene prodotto il famoso vino DOCG, che da il nome al sentiero. La zona è caratterizzata anche da numerosi casolari recuperati per attività agrituristica e da rinomate cantine.

Ripidi calanchi costituiti da arenaria gialla molto compatta, che si innalza sui terreni circostanti coltivati prevalentemente con olivi e vigneti.